Con il termine sincronizzazione intendiamo l’abbinamento di una qualsiasi opera musicale (su base registrata) ad una sequenza di immagini in movimento (film, cortometraggi, spot, documentari, ecc.).

L’opera musicale in questione deve essere registrata su un cosiddetto fonogramma (quindi CD, vinile e smili). Ne consegue che quando si vuole utilizzare, quindi, una musica registrata su fonogramma per la sincronizzazione con le immagini, ci sono degli adempimenti da fare.

Prima di sincronizzare opere musicali ad un filmato o immagini, è necessario chiedere agli autori ed editori delle opere il permesso per questo specifico uso.

La richiesta di sincronizzazione non è gestita dalla SIAE e non rientra nel mandato che gli associati conferiscono alla Società degli Autori e viene rilasciato direttamente dagli autori o editori dei brani musicali.

 

Il Produttore di un supporto video (DVD, BLU RAY, CDROM, ecc.) può chiedere licenza a SIAE:

– sia per riprodurre su supporto filmati già esistenti, realizzati e sincronizzati da terzi, da cui ha acquistato i diritti di sfruttamento in home video (Es: riproduzione su supporto di film di sala).

– sia per riprodurre filmati che lo stesso produttore ha realizzato, destinati a circolare su supporto.

In quest’ultimo caso, quindi, è il produttore stesso che effettua il primo abbinamento tra opere musicali e immagini, e pertanto è compito del produttore, prima di creare il supporto master e chiedere alla SIAE i contrassegni e la licenza necessari per effettuare la duplicazione in copie, ottenere il permesso per la sincronizzazione dagli autori ed editori delle opere musicali, nonché tutte le altre autorizzazioni (uso delle matrici, diritti connessi degli artisti interpreti, ecc…) dai rispettivi titolari dei diritti.